Recensioni Romanzi Thiller

Il sigillo di Caravaggio

Trama:
Giunto da poco a Roma il giovane Caravaggio, comincia a lavorare nella bottega di Cavalier d’Arpino, famoso pittore tardo-manierista. Vorrebbe dipingere figure e mettersi alla prova con nuove sfide ma viene messo a realizzare nature morte, cosa che detesta. Ma il Cavalier d’Arpino, oltre a dipingere, commercia anche in dipinti, soprattutto nel Nord Europa. Ed è così che Caravaggio adocchia tra i nuovi arrivi una tavoletta di piccolo formato, opera di Hieronimus Bosch. Rappresenta una scena minuziosa e complicata, con alcune figure nude o vestite in modo curioso, immerse in uno strano paesaggio. Per dimostrare al suo maestro che sa dipingere figure umane, ma anche perché il dipinto lo attrae in un modo che non sa spiegare, Caravaggio lo ricopia di nascosto e lo tiene per sé. Quello che non sa è che gli cambierà presto la vita. Sulla tavoletta, infatti, è inciso un segreto preziosissimo, la chiave d’accesso alla Grande Opera alchemica. E c’è qualcuno disposto a qualunque cosa pur di entrarne in possesso.

Recensione:
“Il sigillo di Caravaggio” si rivela un romanzo storico che unisce il mistero, l’azione violenta classica del thriller ad elementi esoterici. Fantasia e Verità esaltano la già grande e discussa figura di Michelangelo  Caravaggio, pittore dal talento eterno, m anche vittima del suo stesso temperamento focoso ed iroso dove colpi di genio e colpi di testa erano direttamente proporizionali.

Il romanzo è ambientato nell’Italia del 1600, con le figure storiche dell’epoca riprodotte in maniera perfetta.Risaltano alcuni personaggi che non possiamo non amare per i loro carattere, come Costanza Colonna, donna decisa, forte e stabile, ma ugualmente in preda a dubbi e tormenti, bisognosa di suggerimenti, oppure al contrario odiare , come il cardinal nipote Borghese, antagonista e burattinaio dei guai mortali che circondano Caravaggio, uomo di chiesa che non disdegna di ricercare segreti alchemici celati in bella vista da un artista visionario che forse si sta prendendo gioco delle umane sorti e delle genti avide e corrotte.

la scrittura del libro è coinvolgente e narra una trama su più livelli temporali: nel primo troviamo Caravaggio in pericolo e sofferente per un pestaggio, nel secondo veniamo trasportati più avanti negli eventi, con la notizia della morte del pittore mentre si cerca di ricostruire ciò che è realmente accaduto. In questo non mancano momenti nei quali Caravaggio stesso è preda dei ricordi e mette così al corrente il lettore di fatti della sua vita passata, da fanciullo e da promettente autore di quadri memorabili, delle sue opere e delle colpe delle quali si è macchiato. Questa struttura regala una lettura dinamica, appassionante, dove non si può non temere per le sorti di quel protagonista combattivo, ma inerme, aiutato da gente semplice e sincera contro sicari decisi a tutto.

Una vicenda complessa , piena di mistero, di azioni sotterranee che tengono attento il lettore invogliato a scoprire la verità.

non manca di tristezza e malinconia, affezionati ormai a quest’uomo complicato. I segreti vengono svelati, alcuni colpevoli puniti, una certa giustizia amministrata.

“Il sigillo di Caravaggio” è un romanzo senza dubbio meritevole, ricco di sfumature come i quadri del protagonista.
Genere: Romanzo storico

Autore : Luigi De Pascalis

 

Acquista il libro su Amazon : Il Sigillo di Caravaggio

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *