Morti Sospette a Venezia

Olivia e Jonathan Cavendish, protagonisti dei romanzi della collana Thiller Europa, sono due fratelli molto particolari.E a dir la verità non sono nemmeno fratelli:La loro parentela è acquisita da quando il padre di lui, scozzese, ha sposato la madre di lei, francese.I due giovani (Olivia ha 14 anni ,Jonathan 13) sono molto diversi ; lei è appassionata di cucina , lui di botanica e di ornitologia ; lei è riflessiva , lui istintivo.

Differenze che emergono nitidamente nei capitoli raccontanti in prima persona ora da lui e ora da lei , che si alternano a quelli narrativi tradizionali.

Del resto gli autori sono due , i francesci Beatrice Nicodeme e Thierry Lefevre che hanno riversato su carta alcune loro caratteristiche, assieme alla passione per il delitto.

Già perchè la collana Thiller Europa , di cui Morti Sospette a Venezia è il quarto romanzo, è caratterizzata da trame noir , crimini e suspense continua.

L’obbiettivo è quello di avvicinare i lettori (da 12 anni in su) ai Paesi e ai luoghi che fanno da sfondo alla storia, coinvolgendoli in una vicenda serrata e ricca di colpi di scena , stimolando in loro la curiosità e il desiderio di viaggiare.

Morti Sospette a Venezia, vede l’arrivo dei Cavendishin laguna funestato dal ritrovamento di un cadavere:suicidio oppure omicidio?Olivia e Jonathan non riescono a sottrarsi al fascino dell’indagine.

Ma i pericoli sono dietro l’angolo.

Nella stessa collana Touring Junior ha pubblicato Oscuri complotti a Bruxelles , nel quale i ragazzi erano nella capitale belga alla ricerca della madre scomparsa ; Sporca notte a Londra , ambientato la notte prima di Natale in un teatro dove va in scena il Fantasma dell’opera , e il caso Morden , dal nome di un piccolo centro di pescatori in Norvegia, dove un taciturno allevatore di salmoni sembra nascondere uno spaventoso segreto.

 

Possa il mio sangue servire

Per molti anni la Resistenza è stata considerata solo una “cosa di sinistra”: Bella ciao e fazzoletti rossi  . Recentemente , invece , i partigiani sono stati descritti come carnefici sanguinari, che si accanirono su vittime innocenti, i “ragazzi di Salò”. Entrambe queste versioni sono parziali e false. La Resistenza non è il patrimonio di una fazione bensi di della nazione.

Continue reading “Possa il mio sangue servire”

Una meravigliosa bugia

Erin è all’ultimo anno di liceo e da sempre si sente diversa. Perché al contrario dei suoi compagni non ha una bella macchina, non veste alla moda, non va alle feste. Perché Erin è cresciuta da sola, con una madre che non riesce a prendersi cura di lei. Il suo unico desiderio è quello di fuggire da quella città, da quella scuola, dagli altri ragazzi che non fanno altro che criticarla. Fuggire e ricominciare da zero. Ma un giorno nella gelateria dove lavora, entrano due occhi verdi che Erin conosce bene.

Continue reading “Una meravigliosa bugia”